Competenze trasversali

Strategie di apprendimento

Definizione
Capacità dell’allievo di analizzare, gestire e migliorare il proprio modo di imparare.

Significato della competenza
Fare appello all’autonomia dell’allievo, incitarlo a mettere in relazione obiettivi e mezzi, invitarlo ad analizzare il proprio modo di lavorare e valutare l’efficacia del proprio percorso.

Analisi della competenza
Lo sviluppo della competenza richiede, in primo luogo, la consapevolezza del traguardo di apprendimento, ovvero la messa a fuoco di che cosa mi interessa imparare e perché; si tratta di un passaggio preliminare per sviluppare un processo di apprendimento intenzionale e orientato. In secondo luogo il recupero del sapere pregresso, a conferma che un processo di apprendimento non può svilupparsi in un vuoto, ma richiede di innestarsi nella rete di esperienze e di saperi di cui il soggetto è portatore; la significatività dell’apprendimento non può prescindere da questa integrazione tra sapere preesistente e nuove esperienze di apprendimento. In terzo luogo l’organizzazione del contesto di apprendimento, a segnalare l’importanza della gestione dei tempi, degli spazi, degli strumenti, delle condizioni di contesto nello sviluppare un apprendimento efficiente; in rapporto alle differenti età si tratta di riconoscere ed apprezzare le condizioni migliori per svolgere una determinata attività e contribuire a crearle. In quarto luogo l’attivazione di strategie di apprendimento, in stretta relazione con gli scopi e con i contenuti culturali su cui si sviluppa l’apprendimento, le quali richiamano gli specifici stili e modalità di apprendimento di ciascun soggetto; la conoscenza di sé, delle proprie preferenze e attitudini, si connette alla capacità di attivare le strategie più efficaci per affrontare un determinato compito di apprendimento. In quinto luogo il monitoraggio del proprio apprendimento (atteggiamento metacognitivo), come continua regolazione del proprio agire in relazione ai suoi risultati, in stretta circolarità con i processi richiamati in precedenza.

La struttura circolare richiama la stretta ricorsività presente tra i diversi aspetti, secondo una scansione non lineare, bensì di reciproca interazione. Sullo sfondo dei processi finora richiamati, viene evidenziata l’incidenza della disponibilità ad apprendere, ovvero dell’atteggiamento con cui il soggetto affronta l’esperienza di apprendimento. Non c’è solo il “saper agire”, ma anche il “voler agire” nell’esercizio di una competenza: un insieme di variabili affettive, volitive, relazionali che condizionano fortemente la propria prestazione. Un’altra categoria riguarda il ritmo di apprendimento, a richiamare l’incidenza della variabile tempo nello sviluppo di strategie di apprendimento efficaci.

 

Figura 9

Strategie di apprendimento

 

Tabella 6
Progressione dei profili di competenza alla fine dei tre cicli

  Fine 1° ciclo Fine 2° ciclo Fine 3°ciclo
Livelli
               

 Consapevolezza
 del tragurado
 d'apprendimento

  Resta su un compito di apprendimento con perseveranza   Riconosce e interpreta un compito di apprendimento   Comprende e personalizza un compito di apprendimento

 Recupero del
 sapere
 pregresso
  Su richiesta recupera le proprie conoscenze ed esperienze pregresse   Si sforza di recuperare le proprie esperienze/ conoscenze pregresse in modo autonomo   Recupera le proprie esperienze/conoscenze pregresse in modo creativo ed autonomamente

 Organizzazione
 del contesto di
 apprendimento
  Riconosce le principali risorse e vincoli del contesto   Individua le risorse a disposizione e gestisce il tempo in modo autonomo   Individua le risorse disponibili e gestisce il tempo andando oltre la proposta dell’adulto

 Attivazione di
 strategie
 apprenditive
  Attiva strategie personali per affrontare un compito   Utilizza sue strategie nel compito e le adatta in funzione dell’esito   Adatta le strategie al compito e al contesto

 Monitoraggio /
 valutazione
 dell'apprendimento
  Descrive il proprio lavoro, l’intento e lo svolgimento e verbalizza cosa ha imparato   Verifica globalmente il proprio lavoro in modo critico   Verifica analiticamente il proprio lavoro e tende a migliorarlo

 Disponibilità
 ad apprendere
  È disponibile e curioso verso le sollecitazioni offerte dal contesto   Partecipa attivamente al proprio apprendimento   Gestisce in modo propositivo il proprio apprendimento

 Ritmo di
 apprendimento
  Con l’aiuto dell’adulto adegua il proprio ritmo di apprendimento in rapporto alla situazione di lavoro   Adegua il proprio ritmo di apprendimento alle condizioni contestuali   Adatta autonomamente il proprio ritmo di apprendimento ai vincoli e alle condizioni contestuali

 

Contesti di formazione generale ►