Geografia (3° ciclo)

Modello di competenza

Per produrre interpretazioni e modelli socioterritoriali specifici è necessario attivare ambiti e processi di competenza di geografia regionale sui casi di studio previsti per ogni classe di scuola media.

Nella scuola media essere competenti rispetto agli ambiti sottoindicati significa saper definire concetti, nozioni, elementi teorici in forma assoluta (competenza lessicale specifica), e saperli usare correttamente sia nelle fasi di studio e discussione dei territori (competenza procedurale) sia nella produzione di testi e nelle presentazioni pubbliche (competenza informativa).

 

Figura 24
Modello di competenza per la geografia

Modello di competenza

 

Ambiti di competenza

Gli ambiti sono sette campi tematici del sapere geografico. Rappresentano dei patrimoni consolidati di conoscenze generali (teorie, concetti e nozioni) che si utilizzano per descrivere e spiegare i territori studiati.
Tenuto conto dell’età degli allievi, del percorso scolastico pregresso e dei principi d’organizzazione generale del sapere geografico, nella scuola media il patrimonio conoscitivo degli ambiti tematici viene esplorato, illustrato e definito in prospettiva areale durante il primo biennio, reticolare nel secondo.


Geografia fisica

Teorie, concetti e nozioni inerenti alle componenti fisiche e antropiche del paesaggio con particolare riferimento all’uso, all’impatto e al rischio ambientale nel primo biennio, alle teorie dello sviluppo sostenibile nel secondo.


Geografia della popolazione

Teorie del popolamento e demografiche; concetti e modelli quali densità e concentrazioni, polarizzazioni e diffusioni nel primo biennio; transizioni e regimi demografici nel secondo.


Geografia economica

Teorie spaziali dei processi d’organizzazione del lavoro e della produzione quali la specializzazione funzionale regionale e la modernizzazione economica (primo biennio), i cicli economici e le strategie di crescita (secondo biennio).


Geografia urbana

Teorie delle forme e delle dinamiche di insediamento, teorie della connettività territoriale. In particolare agglomerazione, regione e rete urbana (primo biennio), tipi di rete urbana, metropolizzazione, nodi e circuiti urbani globali nel secondo biennio.


Geografia politica

Teorie inerenti al controllo, alla gestione, allo sviluppo di territori con riferimento all’organizzazione centro-periferia (interdipendenza, partecipazione) nel primo biennio, e alle forme della governanza territoriale (inclusione/esclusione) in quello successivo. Concetti e nozioni quali stato, regione, frontiera, attore territoriale, territorialità.


Geografia culturale

Teorie e concetti dell’identità geografica  e della diffusione culturale: regione culturale (primo biennio); regimi famigliari e processi di diffusione, integrazione-accomodamento culturali (secondo biennio).


Cartografia e sistemi di informazione geografica

Elementi e principi di semiologia grafica quali lo schizzo e i coremi areali (primo biennio),  la raffigurazione di reti e flussi (secondo biennio).